06.2009 – Mal comune mezzo gaudio.

Quanto può essere ingiusta e corrotta la nostra patria per spingere sì tanta gente a venirne ad abitarci da un estero seppur più disastrato? Dubito che gli stracolmi barconi di genti che arrivano rischiando il rimpatrio e la vita stessa, siano colme di turisti venuti a visitare i preziosi reperti, macerie, detriti che la vecchia Italia si stima a sfoggiare. Dubito che vengano ad istruirsi alle nostre vecchie e costose scuole che non offrono gran opportunità d’impiego.

Una repubblica fondata sul conflitto di poteri, in apparenza, per non destare sospetti di miglioramento immediato. Eppure è un sistema che funziona benissimo e che fa comodo a noi quanto all’Europa.

La politica è uno specchio per le allodole, per chi ha bisogno di discutere per sentirsi attivo, o per chi vuol guadagnare qualcosa in questa commedia. Ogni comunicazione è politica. Informazione e controinformazione non fanno più della par condicio nel gioco degli specchi come oppiaceo sociale.

A livello amministrativo si chiama economia.

Chiesa e confederazione Massonica sono i poteri preponderanti, poteri che possono controllare provvidenzialmente lo stato delle cose. Hanno un esecutivo, che può considerarsi mafioso (giacché la mafia, con le sue conflittualità interne non è da pensare come vera e propria organizzazione, bensì come entità aggettivanti).

Dunque per avere potere in questo sistema (o essere il rappresentante del potere) bisogna avere questo poker d’ assi (da un buon croupier): Chiesa-Massoneria, mafiosità, economia, politica. Ma in questo poker si vince finché si bluffa, dacché quando il gioco è finito, ricomincerà l’asino fino a un nuovo bluff.

Ma questi non sono problemi, questo è un gioco.

Quante puttane servono ad un pappone per arrivare a fine mese? Quanti i lavoratori in nero o spacciatori per il piccolo trafficante locale a soddisfare le gerarchie superiori?

Questi sono i veri problemi.

Sempre più gente senza identità, senza un passato, o senza prerogative di futuro, che entrano attivamente (o passivamente, seppur non intendendo differenza scientifica alcuna) nei ranghi più bassi ed infimi di questo sistema come fante anonimo, forse tutti fedeli all’ inaspettabile lieto fine delle favole tutte.

Per quanto possa esser obiettiva la mia veduta: l’unico metodo per accorciare il tempo in drastici cambiamenti (come ci hanno insegnato in storia), è la rivoluzione corale, causata da pneuma incontenibile.

di Giovanni Càbianca


Tags from the story
Written By
More from càbianca

05.2009 – La Madonna piange sperma?

È una società pregna, il costante sviluppo, l’incessante desiderio di progresso. L’inammissibile...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *