08.2009 – Ai lati del paese palindromico

È passato un mese dall’ultimo numero di Mumble:, e io non riesco a stare dietro alle notizie. Qualcuna la tengo a mente per capire se chi ne viene a conoscenza prova gli stessi miei sentimenti a proposito. Scriverne con la speranza di ritrovarsi nella spirito del lettore. A ‘sto giro adotterò una semplice struttura puntata.

Drona gel: nuovissimo farmaco che agisce sugli attacchi dei moralisti dell’ultima ora. Consigliato a chi alle medie cantava canzonette contro i napoletani. E dato che c’è della gente che domattina si sveglia per lavurà, a differenza di quei cappelloni comunisti con la chitarra e il bongo in piazza Dante a Verona, all’”onorevole” tornato “signor” Salvini (anche lui usa la miracolosa pomata!) si consiglia di insultare le persone che andava a rappresentare a Strasburgo (!) entro le ore 22. Il farmaco è compatibile con le principali birre padane; sconsigliate Raffo, Peroni e Ichnusa se bevute fuori dai gazebo di Pontida.

Troxe: scoperta proprio nelle ultime settimane dai giudici di Bari un’organizzazione di spionaggio industriale. Pare che note multinazionali dell’arredamento e del design abbiano introdotto agenti avvenenti al loro soldo per riprodurre porzioni degli interni di famosi palazzi italiani, tra cui spicca una residenza di stato, palazzo Grazioli (bagno imperiale e specchi rococò) e villa Certosa, di cui si tentava di copiare il noto vulcano. Pare inoltre che agenti degustatori scelti abbiano preso appunti sulla ricetta del migliore gelato di Roma. Berlusconi si costituirà parte civile (ha affermato di essersi sentito “sedotto e abbandonato”) insieme al K2 di via delle Botteghe Oscure.

E noi save: il fiore della ricerca e dell’ingegneria di stirpe italica hanno illustrato alla stampa il progetto dell’attesissimo Scudo Italiano. Non si è capito bene chi dovrebbe proteggere da cosa, ma gli ingegneri hanno spiegato che “ne vuole fare uno anche l’America”. Lo scudo permette a chi possiede tanti soldi all’estero di farli entrare in Italia senza pagare le tasse, pagando una commissione allo Stato. “Così chi non ha mai pagato le tasse all’estero non le pagherà nemmeno nel suo paese”, ha detto il ministro dell’Etica Economica Tremonti. Esulta la Lega: “Finalmente una moneta tutta nostra”.

More from giacomo vincenzi

10.2009 – The future of sanctions (di Arash Falasiri)

  Ever since Mahmoud Ahmadinejad came to power in Iran in August...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *