10.2009 – Perché cosa?

NUMEROSEI-ottobre

A proposito di quella cosa di cui si stava parlando: mi sembra che se ne sia discusso sufficientemente e di certo il discorso non si esaurirà proprio ora.

Non potendo esimermi dal dare un’opinione a tal proposito, riferirò cosa ho appreso a riguardo o comunque cosa mi è stato detto seppur rischiando di dimenticare il titolo di qualche citazione.

Ad ogni modo brevemente cercherò di spiegarmi con concisione. Tanto per cominciare mi pare inutile e laborioso continuare nel cominciamento ad annichilire ogni negazione con altri negamenti. Anche prendere come certa un’affermazione oppur seppur una qualche allusione a qualcosa può assicurarsi il primato d’ingenuità o sufficienza passiva e perdere di significato. Allora si suole a dunque dimostrare antico vanto accettando pensieri e cose al loro manifestarsi nel costante divenire ed il suo caduco.

Manuele Palazzi

Tags from the story
More from manuele palazzi

02.2010 – Perché non sarò mai un comunista (o non farò mai in tempo ad esserlo).

Il comunismo. Escatologicamente l’unico fine possibile della globalizzazione, prima dell’anarchia, nel manifestarsi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *