11.2009 – Bisogna entrere in un sistema per sovvertirlo.

Le manifestazioni hanno il tempo che trovano, le proteste a volte fanno l’effetto contrario a quello sperato: tendono a portare la ragione verso una parte discorde di chi tenta di attuarla. Necessiterebbe prendersi la responsabilità, l’onere, di una fazione estremista, immonda, per farla addolcire lentamente come vogliono le dinamiche evolutive, prendersi carico di una realtà malandata per sovvertirla al meglio, mondarla, non combatterla e cercare di debellarla con invettive ed infamie, l’ideale è duro da eliminare.

Le manifestazioni e le singole parole di disgusto non servono che a fomentare l’odio e l’involuzione.

Ogni astrazione è la collezione di attributi negativi, in quanto tentativi di riflessione della realtà. La contro tesi di un’astrazione è la negazione per antonomasia, unica pecca dell’umanità verso la ragione.

di Giovanni Càbianca

1)

Written By
More from càbianca

Al via “Upupa festival” della musica indipendente

“Upupa produzioni” pronto al primo festival di musica indipendente sabato 5 maggio...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *