[love talking] Niente sesso dopo la discoteca

F. V., donna, 23 anni, laureanda in Scienze Giuridiche presso l’Università di Modena e Reggio Emilia. Ama l’ Egitto, lo snorkeling e i film senza parolacce.

Ciao Giulia! Ah, no, cazzo, scusa…Okay, da capo: ciao F.V! Ci conosciamo da tanti anni e so perfettamente che non hai alcun problema ad affrontare argomenti di questo tipo, anzi…Però devo chiedertelo: provi qualche imbarazzo nel rispondere a domande sulle tue abitudini sessuali?

Non particolarmente.

Bene! Ti è mai capitato di avere discussioni riguardo al sesso con i tuoi genitori, aperte e prive di pudori, quando eri adolescente?

No, ho parlato con mia madre quando avevo dubbi su questioni inerenti ai metodi contraccettivi, ma niente di più.

Okay, domandone: ritieni che la verginità sia un valore da preservare fino al giorno del matrimonio?

No. Io l’ho sempre ritenuta un valore, nel senso che mi sarebbe piaciuto perderla con una persona importante e così è stato. Ma ognuno deve essere libero di dargli l’importanza che crede;è una cosa estremamente soggettiva.

Quindi, il tuo primo rapporto sessuale è stato con qualcuno di cui eri davvero innamorata.

Sì.

Che bello. Le tre caratteristiche fondamentali per un rapporto sessuale appagante:

Complicità, fantasia,desiderio.

Secondo te quali sono i posti e le situazioni in cui più frequentemente un ragazzo/a della tua età consuma rapporti sessuali?

Non ne ho la più pallida idea. Spero non dopo una serata in discoteca…che amarezza!

La redazione non ci vede nulla di amaro…Ti è mai capitato di avere incontri occasionali con persone incontrate il giorno stesso?

No.

Ok. Domanda difficile: molte scuole di pensiero della psicanalisi sostengono che quando due persone hanno un rapporto, in realtà a letto si ritrovano in sei: loro, più i rispettivi genitori, con tutta la dose di pudori, imbarazzi, tabù, e fobie che hanno trasmesso ai figli. Pensi che valga anche per te?

No, non credo. Non mi sento influenzata in alcun modo dai miei genitori. Sicuramente certi pudori possono derivare anche dall’educazione che viene data ma ritengo che sia un pò eccessiva questa idea. Almeno per quanto riguarda il mio caso.

Fingi (nel caso non lo fossi davvero) di essere seriamente impegnata con un ragazzo, ma di ritrovarti spesso all’università  a studiare con un altro ragazzo verso il quale provi forte attrazione, che sai essere ricambiata. Cosa fai per stemperare la tensione sessuale? Soprattutto: ci riusciresti?

Sono seriamente impegnata. Ma mi è sicuramente capitato, in passato, di provare attrazione sessuale per un’altra persona e non è facile far finta di niente. Diciamo che perlomeno io non ci riesco. Comunque questa domanda non fa per me :nella mia università sarebbe più facile diventare lesbiche.

No, per carità, sarebbe uno spreco. Ci diresti qual è la media dei tuoi rapporti in una settimana, o è una domanda troppo personale?

Due o tre.

L’ intervista è finita. Ti senti in imbarazzo?

Poco.

Tags from the story
,
More from donato gagliardi

Corsi di videogiornalismo a Modena.

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato inoltratoci dall'associazione Ponghino sugli interessanti corsi di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *