08.2010 – L’ESSERE DEL NULLA.

Sdraiato, steso su impermeabili densità terrestri, tra spasmi di vertigini, a contemplare l’abisso astrale, reagivo pensando sul paradosso degli

assoluti discordi, riguardo al limite della creazione e di contro al non senso dell’infinita propagazione dell’insieme. Riuscivo a rimuginare su questo traguardovatico fondamentale per edificanti istanti, poi ricadendo in facete insinuazioni sulle dinamiche dell’essenza. Così scoprii mio malgrado, lo sforzo che ponevo per restare nell’idea, oggettivando quel momento di coscienza colle variabili d’occasione tra le costanti emozionali nell’amplesso degli attributi esercenti. Intorno a me, immobile atomo demiurgo, splendide vie e sentieri poco illuminati, un viaggio con scalini fasulli, fatti di simboli, i quali possono essere ripidi ed impervii come rampe impennanti in aggetto, oppure semplici e piani per una passeggiata senza fàtica e verso un sempre chiaro orizzonte.

Tags from the story
,
More from manuele palazzi

08.2011 – PELLE

l'unica cosa che conosco veramente di me quel tessuto epidermico che mi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *