10.2010 – IL QUADRATO MAGICO DI SATOR

Un houroboros semantico. Diadema teleologico.

Ghematrica fortuna, gnostica teologica, croce e frase palindromica, apocalittica estremità tra le latinate alfa ed omega. Cristianizzato emblema ed aramaica unità. Solido graffito d’ermetica linfa a confortar menti.

Cercandone la traduzione pare un pensiero sul creatore che tiene e doma le sue opere, e tante sono le interpretazioni date e ancora da attribuire, sopratutto sull’ambiguo arepo: uomo, areopago o aratro celtico. Anche con una traslitterazione ghematrica pare un simulacro della parola ebraica “uno” e degli appellativi divini del caso. Al di là delle interpretazioni, è la portata stimolante di questa combinazione fortunata ad averne implementato il potere qualitativo tramite le funzioni assiomatiche, logiche, ad esso annesse. Così lo si vede impresso, inciso, per un verso o per l’altro, in mezza Europa, nelle colonie romane mediorientali, come ghirlande e fulcri di un sistema di pensiero operoso ed esteticamente fortunato data la frequenza d’acchito protraente. Combinazione di lettere e parole il cui significante rimanda al solito sollazzo spirituale d’esplicazione o semplice presa di coscienza del tutto demiurgico nel fluire metamorfico e transeunte del fenomeno preso sensibilmente tramite le forme dell’intelletto, dal marasma eidetico inconseguibile se non che per intuito e mistericamente trattato.

S

A

T

O

R

A

R

E

P

O

T

E

N

E

T

O

P

E

R

A

R

O

T

A

S

di Manuele Palazzi

More from manuele palazzi

02.2010 – Perché non sarò mai un comunista (o non farò mai in tempo ad esserlo).

Il comunismo. Escatologicamente l’unico fine possibile della globalizzazione, prima dell’anarchia, nel manifestarsi...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *