02.2011 – La mamma italiana di Harry Potter. Intervista a Beatrice Masini

Beatrice Masini nasce a Milano, dove attualmente vive e lavora come responsabile editoriale della narrativa per ragazzi in RCS (Rizzoli e Fabbri Editori). E’ inoltre un’affermata e prolifica scrittrice di libri per bambini e ragazzi dal 1996. I suoi libri sono infatti stati tradotti in quindici paesi ed hanno vinto numerosi premi: il Premio Castello di Sanguinetto con il romanzo La casa delle bambole non si tocca, il Premio Pippi Signore e signorine – Corale greca, il Premio Elsa Morante Ragazzi con La spada e il cuore – Donne della Bibbia, il Premio Andersen come miglior autrice del mondo dell’infanzia. E il suo ultimo romanzo, Bambini nel bosco,  è entrato nella rosa dei dodici candidati finalisti del Premio Strega 2010.
E’ anche giornalista e traduttrice, conosciuta in particolare per aver tradotto cinque dei volumi della saga fantasy di Harry Potter.

D – Nella sua storia professionale, come si è avvicinata, dal giornalismo iniziale, al mondo dell’editoria per bambini e ragazzi?  E quali sono state le spinte e le occasioni per scrivere e per tradurre?

R – Appena laureata ho cominciato a lavorare come redattrice in una casa editrice che faceva libri di scolastica per la scuola primaria e continuava a fare in minima parte libri per bambini, com’era nella sua storia. Di lì i primi contatti e le prime storie scritte, poi le traduzioni, e via via, in modo naturale, un cerchio concentrico di legami che si allargava e offriva altre occasioni. Il lavoro l’ho lasciato due anni dopo per fare la giornalista, e del resto la scolastica, pur essendo stata un’ottima scuola, non era per me, ma in parallelo ho continuato a lavorare per i libri e sui libri. La scrittura è sempre stata presente sottotraccia – scrivevo per me, per imparare a scrivere – finché ho messo insieme il primo romanzo, Emma dell’ermellino, che è uscito quando avevo 34 anni. Più o meno nello stesso periodo ho cominciato a collaborare con RCS Libri nel settore ragazzi.

D – Le sue storie nascono da reminiscenze e da teneri ricordi della sua infanzia, o sorgono anche dall’osservare e dal voler accompagnare attraverso la scrittura la crescita dei suoi figli?

R – I ricordi dell’infanzia non sono tutti teneri, anzi. E certo sì, fanno l’ossatura di quello che scrivo. Non ho mai scritto per i miei figli, però averli vicino è stato fondamentale: tante idee vengono dall’osservazione dei loro modi e dall’ascolto del loro mondo.

D – Il suo libro “Storie dopo le storie” (Einaudi Ragazzi, 2009) oltre che essere ispirato dalla sua curiosità bambina di voler cercare un seguito alle fiabe e alle storie classiche che, come lei ha dichiarato, le è appartenuta nell’infanzia, attinge forse anche da quella stessa creatività “dell’andar oltre” che è necessaria per tradurre “l’intraducibile” magico, tipico delle saghe fantastiche come quella di Harry Potter?

R – Faccio fatica a mescolare i due ambiti, quello della traduzione e quello della scrittura, perché è ovvio che si alimentano a vicenda, ma è altrettanto ovvio che potrebbero sussistere l’uno senza l’altro: potrei essere solo una traduttrice o solo una scrittrice, se faccio tutte e due le cose è perché si sono incrociate e intrecciate, però non tanto da confondersi: non sono necessarie l’una all’altra anche se sono molto utili a vicenda.

D – Alla luce delle sue traduzioni della saga della Rowling, come valuta l’enorme strabordare del fantasy nel mondo dei teenager, quasi fosse l’unico genere letterario che li coinvolge?

R – Non credo sia un problema di domanda ma di offerta: il mercato si orienta verso quello che funziona, e se il fantasy funziona, tende a replicare se stesso. Il rischio è che l’offerta si appiattisca e si banalizzi, ed è quello che ciclicamente succede a qualunque genere dopo che ha toccato la fase acuta. Detto questo, continueranno a esserci buoni fantasy e cattivi fantasy, e arriveranno altri generi, più o meno fortunati. Certo, il fantastico, in senso ampio, è un territorio che offre a uno scrittore possibilità illimitate. Vedo anche molto praticata la contaminazione dei generi, in un modo che può risultare innovativo e sorprendente.

D – Una curiosità… nel suo ruolo di editor, quanto influisce la richiesta del mercato rispetto al gusto personale, allo stile narrativo e ai contenuti?

R – Non posso dimenticarmelo, il mercato: lo osservo con curiosità e sto all’erta per cercare di intercettare i nuovi andamenti con anticipo. Non posso nemmeno seguirlo: penso che sia una strada di poco respiro. Di fatto, i maggiori successi dei marchi che seguo sono per metà libri di genere, che hanno interpretato con abilità una tendenza nel suo momento di fioritura, e per metà libri eccentrici, che magari sono partiti sommessi e si sono affermati nel tempo, diventando longseller più che bestseller. Sono quelli che preferisco perché danno profondità e respiro al catalogo, e un editore per ragazzi deve al catalogo credibilità e tenuta nel tempo.

D – Infine, pur nella banalità della domanda, quali sono i consigli che lei si sente di dare a giovani che desiderino intraprendere un percorso professionale nel mondo dell’editoria in questo difficile momento occupazionale? Ritiene sia più utile frequentare master, stage e quant’altro, o formarsi sul campo come nelle “vecchie botteghe di arti e mestieri”, naturalmente se fosse ancora in qualche modo possibile?

R – Quando ho cominciato io si imparava sul campo e basta. Adesso il percorso ideale affianca a una base di specializzazione teorica un po’ di apprendistato vecchio stile. Master e stage sono ottimi passaporti per avere accesso alla parte pratica con un minimo di cognizioni di base, che sono anche fondamentali per capire a priori ciò che interessa fare e ciò che no. Se e finché è possibile, suggerisco di non fare ciò che non interessa, anche se si presenta sotto le sembianze di un’opportunità: porta fuori strada e serve solo ad accumulare frustrazioni.

More from diletta dalzovo

La scelta di (fuori) campo di Ken Loach

Scrive Loach nella sua lettera al direttore del Museo del cinema di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *