Incessante sfaldarsi

Testo di Michele Barbieri

The blood dripping

out of pussy

the wall closes the hole

in the soul of humanity

fucking other humanity

in war and death

Repair her pussy!

Resistere costruisce muro, resistenza è parola che fa digrignare denti. Mossa che mette sforzo i tendini, che stringe pugni a sasso di pelle, sbuccia le nocche, che da garanzia alle idee, che pone dignità e fronte fiera. E’ opposizione da diversità, è calamita di malevoli sguardi, è scintillante eresia in fuligginosa mediocrità, invidie di chi non ha attributi per esserne pilastro, cemento e colla, putrella d’acciaio. E’ parola ferma nel mezzo di incessanti sfaldamenti.

Resistenza è scrivere quest’articolo gratis: perché so chi sono, non merce per miglior offerente, non merce, e resisto e regalo per chi sappia accogliermi.

Resistenza é lotta clandestina della propria anima, lotta nascosta ma proiettata dagli occhi alti, perché combattere per le proprie idee, per ciò che è giusto mette luce di fulmini, mette il dritto nel passo, esula il compromesso, fa armatura di fierezza. Resistere è silenzio in urlo disorganizzato di beoti, poi voce giusta che sa essere udita.

Resistenza sono le mie dita sul sasso, il mio vuoto sullo strapiombo, il mio sguardo alla lama di cielo, incessante sfaldarsi. Sono le mie mani su i tuoi fianchi e l’attesa pregata del piacere, è soglia di chiesa e carnefice accolti con eguale eleganza. Opposizione alla non partecipazione, duello e carezza. Bestemmiata solitudine, piegata in angoli di vene ed eroina, a interpretare il vivere da un incessante sfaldarsi. Resistere è coagularsi all’ombra di muri crollati, di macerie, di sabbia e calce, le mie mani sudate sul calcio del fucile, il mio dito che non si piega sul grilletto. Resistere sono le ore abbandonato ad aspettarti per tutto il tempo che verrà, è rabbia e violenza, come unghia di fiera, come graffio di insulto sulla mia schiena che resiste alla sbarra d’acciaio che vuole piegare la mia moralità, perché io penso differente, perché io prego differente, perché io argino il disprezzo e gli incessanti sfaldamenti dei principi , dei codici, binari retti sull’ orizzonte di una continua resistenza.  Ho scritto la mia firma in calce nel cemento a testimoniare resistenza a incessanti sfaldamenti.

Tags from the story
, ,
More from emiliano rinaldi

Un giorno di metà ottobre a Sassuolo

Il brivido della circumnavigazione delle 1000 rotonde che separano Sassuolo dalle nostre...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *