3, 4, 5 giugno 2011: Mercurdo, la biennale dell’assurdo

L’edizione di quest’anno dell’oramai famosa “biennale dell’assurdo” di Castelvetro (MO), gioca sulle possibili, forse necessarie relazioni e sincronie tra la creazione, l’esibizione, il prodotto assurdo e il buon senso che opera e s’infila nel processo di cognizione o (vel oppure aut?) intuizione di esso. Invitiamo tutti i lettori a fare una gita fuori porta in questo bel borgo sulle colline modenesi teatro, ogni due anni, di incontri al limite del magico, in un mondo surreale e onirico.

Dal 3 al 5 giugno a Castelvetro di Modena torna l’appuntamento con Mercurdo, l’unico evento d’arte al mondo dedicato al tema dell’assurdo. Fotografia, teatro, installazione, grafica e video; più di trecentocinquanta giovani artisti europei hanno inviato le loro opere al concorso internazionale, utilizzando tutte le discipline a disposizione per sviluppare in maniera creativa e personale la propria visione dell’assurdo. Come ogni edizione, le migliori proposte sono state scelte da una commissione presieduta questa volta dal critico d’arte Luca Panaro e diventeranno protagoniste di un’esposizione gratuita in cui il buon senso, la logica e i luoghi comuni sono i concetti chiave della re-interpretazione artistica.

L’assurdo diventa anche la chiave per esprimere il connubio tra arte e territorio; dopo l’inaugurazione degli spazi espostivi di venerdì sera, le morbide colline castelvetresi diventano la suggestiva cornice per le gigantografie delle foto degli artisti vincitori, delle performance teatrali e musicali e delle proiezioni dei tanti video in concorso. I visitatori possono campeggiare gratuitamente nella zona caravan per poi dirigersi verso il centro del paese dove possono camminare tra le bancarelle del mercato d’artigianato artistico, visitare il MUSA, collezione permanente di arte contemporanea del Comune di Castelvetro, magiare nei ristoranti che offrono “menu assurdi” oppure assaggiare i vini dell’Enoteca Regionale Emilia Romagna, tra i quali spicca il lambrusco grasparossa Rasposo, vino ufficiale della manifestazione, distribuito con l’etichetta in edizione limitata disegnata dal giovane artista spagnolo Raùl Làzaro per il Mercurdo. Il sabato notte, il Mercurdo Night Party fa muovere i corpi al ritmo della musica più assurda degli ultimi anni.

Per informazioni: tel. 333 1747430 | uffstampamercurdo@gmail.com

Tags from the story
, ,
More from giacomo vincenzi

Signora Maria

“Lo stipendio è un diritto, ho lavorato e pretendo i miei soldi”....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *