08.2011 – PELLE

l’unica cosa che conosco veramente di me

quel tessuto epidermico che mi collima e mi trattiene

dall’espandermi in maniera esponenziale

nutrendomi di dinamiche.

Crosta in assedio delle nefandezze cosmiche

preda di fotosintesi sensibili

a stress disarmonici dell’attuale.

Strumento di comando per insaccati, manichini

ed eghi di golem homuncolati.

(foto di Giacomo Vincenzi)

More from manuele palazzi

L’AUTORE SU REZZA CHE PARLA DI ARTAUD CHE PARLA DI VAN GOGH.

(UN POKER DI JOLLY) Smorfie, crogioli d'anatemi, autoflagellazioni mirati a sovvertire colla...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *