DISARCIONATO

Questa sera alle ore 21.00 il Cavaliere Silvio Berlusconi si è dimesso da Presidente del Consiglio dei Ministri.

Esce di scena il più longevo Primo Ministro italiano dai tempi di Mani Pulite.

Su tutti, il fatto popolare: Silvio Berlusconi viene accolto mentre sale al Colle per ufficializzare il suo tanto agoniato passo indietro da una folla. Una folla che non si vedeva dai tempi di Craxi. Una folla che lo insulta, che gli urla “Buffone” e “Ladro”. A Craxi il popolo della Lega Nord, a suo tempo, tirava monetine. Questa sera, mentre la truppa padana cerca di orientarsi nella sghemba direzione di un partito che da popolare è diventato folkloristico, nella folla c’eravamo anche noi.

Niente monetine stasera, niente black bloc, niente di tutto questo: in piazza questa sera c’è l’Italia che ha deciso di prendere per mano l’Italia. L’Italia che Brunetta non ha mai concepito, che la Gelmini non ha mai tutelato, che Sacconi non ha mai fatto lavorare con la dignità doverosa di una grande nazione.

Questa sera in piazza c’era la stessa maggioranza che ha detto no al nucleare, no al legittimo impedimento, no all’acqua che viene privatizzata. Questa sera c’era l’Italia che ringraziava uno dei migliori presidenti della storia della sua Repubblica. Lo stesso presidente criticato da Travaglio, osteggiato dalla sinistra radicale, che però lui solo è riuscito a far dimettere Berlusconi.

Mi creda Mister Obama: stasera è rinata la nostra Repubblica.

E ora io vado a brindare. Perchè sono la maggioranza.

 

More from pierpaolo salino

Lettera dall’Africa

di Carolina Paltrinieri & Pierpaolo Salino - foto di Carolina Paltrinieri Ho...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *