William Blake e i diavoli giandoni

Leggo sulle riviste più patinate d’Italia che ultimamente i libri illustrati per adulti sembrano avere un grande successo.William Blake (1757-1827) ci aveva visto lungo. Lui, che non sembrava contenersi in una sola arte. Egli fu infatti: incisore, pittore, poeta, filosofo, teologo o forse semplicemente un grande intellettuale. Estremo conoscitore della Bibbia e allo stesso tempo appassionato di misticismo, Blake si mostrò contemporaneamente affascinato dal sacro e dal profano. Per lui la letteratura doveva tornare ad essere fatta di manoscritti miniati dove l’immagine regnasse e fosse non solo un commento, ma un tutt’uno con il testo.

Il diavolo sembra essere stata un’ossessione di Blake. In The Great Red Dragon Paintings, dipinti tra il 1805 e il 1810, le immagini a commento dell’Apocalisse di Giovanni finiscono per celebrare un magnifico satana alato, cornuto come un ariete, tri-teste come un cerbero e maestoso come un grifone.

È questa una delle immagini più conosciute di Satana, recentemente portata al successo dal tatuaggione del serial killer dell’omonimo Red Dragon (2002) ossessionato dalle belle signorine e dalle opere di Blake. La serie di incisioni di Red Dragon è diventata inoltre un must anche per chiunque voglia aprire un sito dedicato al mondo dell’occulto o voglia illustrare una scatola di tarocchi (basta googlare).

Anche la serie incompleta delle illustrazioni per la Divina Commedia di Dante si concentrò soprattutto sulla main house di Satana: l’Inferno. E riecco il Diavolo anche nella serie di illustrazioni per il poema Paradiso Perduto. Per chi ha la mia età quest’ultimo è il titolo di un film cult del 1998, tratto da un racconto di Dickens, che parla, guarda caso, di un diavolo protettore e collezionista d’arte. Per Blake e per chi sia stato attento alle lezioni di letteratura inglese al liceo, è il titolo di un poema di Milton che descrive la caduta dell’uomo e la sua cacciata dal Paradiso Terrestre.

Devo ammetterlo, in queste rappresentazioni il diavolo sembra sia capitato sulle pagine per caso, ritratto come un giandone nudo che svolazza sopra i due protagonisti -Adamo ed Eva- in compagnia di un sempre più attorcigliato serpente. Ma chi può mai dirlo: se il diavolo esiste e cammina in mezzo a noi, forse ha proprio l’aspetto di un giandone.

 

Written By
More from ragazzanormale

Annecy 2013 | A festival that shook up old habits

Da Lunedi 10 a sabato 15 giugno si è svolto il 37esimo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *