Terremoto e consumo critico

Uno studio di Confesercenti calcola che nell’Area Nord – la “bassa” modenese – circa il 10% delle attività commerciali ha chiuso a causa del terremoto. Permangono gravi incertezze sul futuro economico dei nostri paesi, insomma. Per il momento,  il minimo che ognuno di noi può fare è evitare la GDO e cercare di fare più acquisti possibili all’interno di un negozio a conduzione familiare piuttosto che in un ipermercato. Il consumo critico è un’arma indispensabile per rendere migliore la nostra società.

Leggi l’articolo sulla Gazzetta di Modena

 

 

 

 

 

 

Tags from the story
, , ,
More from giacomo vincenzi

3, 4, 5 giugno 2011: Mercurdo, la biennale dell’assurdo

L'edizione di quest'anno dell'oramai famosa "biennale dell'assurdo" di Castelvetro (MO), gioca sulle...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *