Terremoto e consumo critico

Uno studio di Confesercenti calcola che nell’Area Nord – la “bassa” modenese – circa il 10% delle attività commerciali ha chiuso a causa del terremoto. Permangono gravi incertezze sul futuro economico dei nostri paesi, insomma. Per il momento,  il minimo che ognuno di noi può fare è evitare la GDO e cercare di fare più acquisti possibili all’interno di un negozio a conduzione familiare piuttosto che in un ipermercato. Il consumo critico è un’arma indispensabile per rendere migliore la nostra società.

Leggi l’articolo sulla Gazzetta di Modena

 

 

 

 

 

 

Tags from the story
, , ,
More from giacomo vincenzi

Quale futuro per l’Ospedale di Mirandola?

Abbiamo incontrato il portavoce del comitato spontaneo nato per difendere l'ospedale di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *