Nina Kraviz @ #C2C 2012: Dalla Siberia con emozione

Negli ultimi tre anni, la dj e produttrice siberiana Nina Kraviz si è rapidamente affermata come rispettato (e caratteriale) punto di riferimento nell’underground della variegata scena dance globale.

Prendendo spunto dai filoni più avant-garde dell’attuale genere house, la sua produzione ha aggiunto un rinfrescante tocco femminile a uno stile che, in generale, ha un tasso estrogeno pari a quello presente in un palazzetto dello sport durante un incontro di wrestling.

Il suo album di debutto, di recente pubblicazione, non è purtroppo all’altezza delle aspettative createsi grazie ai suoi set incendiari e all’incontrollabile hype nerd e gossippara intorno alla sua vita privata e alle sue attività collaterali al dj-ing (fare da testimonial per Hugo Boss e altre maison di chiara fama).

Registrato nel corso di due anni, l’LP è un lavoro suggestivo che evoca stati d’animo oscuri e down emotivi. Pensato come “viaggio emozionale”, manca di quel senso di immediatezza che si richiede alla house di buona fattura, ma, a rifletterci, pure ai viaggi emozionali.

I momenti migliori dell’album si hanno quando Nina mette da parte la propria voce e relativi esercizi di stile, per concentrarsi sul lato strumentale della faccenda. Diversioni come Working e 4Ben sono tracce “dense” che dimostrano un’ incontestabile abilità compositiva. L’apice viene raggiunto nella traccia Petr, dove sì, è presente un cantato, ma tagliato e ricucito come house – deep house! – comanda.

Un disco che, alla fine dei conti, delude. Ma che pure lascia intravedere solide basi artistiche e ottimo gusto compositivo.

La ragazza farà strada. Non solo defilé.

Ad ogni buon conto, vederla in console pare sia un’esperienza unica. La prossima data italiana di Nina è prevista il 10 novembre, al Club 2 Club di Torino.

(A proposito di siberiani. Ne abbiamo uno, in Italia, che non tratta di dance, ma di letteratura. Si chiama Nicolai. Seguitelo, ne vale la pena).

Nina Kraviz su Soundcloud

Tags from the story
, , , , ,
More from donato gagliardi

Emily, Reuben, Jacob, Anna e altri innamorati.

di donato gagliardi.   Where is my boy, my boy In what...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *