Arrestato il cappellano di San Vittore per violenza sessuale e concussione

Dietro quegli abusi la disperazione dei carcerati

Don Alberto Barin, cappellano del carcere di S. Vittore, è stato arrestato oggi per abusi sessuali nei confronti di sei detenuti. Quello che sorprende veramente di questa vicenda è che il prete “pagava” le prestazioni con sapone e sigarette.

Questo episodio riapre ancora una volta il dibattito sugli abusi da parte di uomini di Chiesa ma ripropone soprattutto la drammatica situazione delle carceri italiane: se i carcerati si spingono a prostituirsi per cose così elementari, come un tiro di sigaretta, o dietro la minaccia che una parola di un prete alle autorità penitenziarie possa aggravare la loro pena, allora significa che stare in una cella è un inferno.

Un inferno che si protrae da molto, troppo tempo: lo ricordava il ministro Severino solo pochi mesi fa. La situazione non sembra essere migliorata. 

A incastrare Barin con l’accusa di violenza sessuale e concussione sono le registrazioni delle telecamere che la polizia ha piazzato il giugno scorso nell’ufficio del cappellano.

A essere molestati erano i detenuti per reati minori, tutti extracomunitari, gli stessi per cui Don Marin si prodigava : “Il carcere è la discarica dei problemi sociali. Si viene arrestati per reati minimi: una tentata rapina, o anche solo essere straniero. In realtà in carcere ci sono i poveri”.

E visto che il Natale anche quest’anno è alle porte, ecco un bel video del canale youtube della Chiese di Milano che ritrae Tettamanzi e Barin fianco a fianco a S. Vittore.

More from pierpaolo salino

Giù le mani dalle nostre case!

Chi c'è dietro al comitato Sisma.12? Una manifestazione contro il governo e...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *