Craxi – Dentro i battimenti delle rondini

Erano un supergruppo coi fiocchi i Craxi.

Nati quattro anni fa dall’incontro di Enrico Gabrielli, Alessandro Fiori, Andrea Belfi e Luca Cavina, i Craxi dopo alcuni (pochi) concerti e qualche festival decidono di comune accordo che l’esperienza doveva concludersi e che non avrebbe avuto continuazione. Si chiudono quindi dentro lo Studio 75 di Milano e fissano a imperitura memoria le undici undici tracce lì composte e che teniamo ora tra le mani.

Registrato totalmente in presa diretta nel 2010 e mixato dalle sapienti mani di Tommaso Colliva, Dentro i battimenti delle rondini è la vittoria del buon senso, perché sarebbe stato un delitto gravissimo non dare testimonianza “scritta” di questo progetto. Un mix tra il post-punk dei Gang Of Four, la no-wave americana dei Pere Ubu e John Zorn, in cui quattro, mostruosi, musicisti si divertono e danno libero sfogo alle proprie pulsioni sonore senza limiti e senza pressioni.

Sarebbe totalmente superfluo disquisire sull’assoluto valore degli interpreti di questa prova, ma la prestazione di Fiori alla voce merita una menzione particolare. La sua voce, a metà strada tra David Thomas e il più schizofrenico John Lydon, è il vero strumento in più dei Craxi: flirta con la chitarra elettrica quasi sfidandola in Santa Brigida, sembra un sax in Se me lo chiedi dolcemente ed è rassicurante, come un faro nella tempesta, nella malata Dentro i battimenti delle rondini.

Rimane il rammarico di non averli visti dal vivo, certo, ma poterli ascoltare e ammirare su disco non è una magra consolazione, anzi…  è una meravigliosa fortuna.

More from andrea murgia

Tutto Molto Bello: la musica indipendente si mette in gioco

Avete mai sognato di vedere i vostri beniamini in calzoni corti e...
Read More

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *