Veronesi risponde a Manfredini (Lega Nord)

Gabriele Veronesi, autore del discusso Modena³ , è impegnato nella realizzazione del suo nuovo documentario, dal titolo Emilia Rossa, Cuore Nero.

Gabriele Veronesi – autore del discusso Modena³  – è di nuovo all’opera.

Da diversi mesi è impegnato nella realizzazione del suo nuovo documentario, dal titolo Emilia Rossa, Cuore Nero.

Per riuscire a portare a casa progetti di questo tipo, si sa, servono soldi.

E la professione di videomaker indipendente, si sa, non garantisce sempre sufficienti entrate.

Per questo Veronesi ha partecipato a una serie di bandi regionali volti allo stanziamento di fondi per progetti di questo tipo.

Sfortunatamente, lo ha fatto senza ottenere grossi successi (cosa che lo ha spinto a passare a strategie di altro tipo, come il crowdfunding, tecnica che chi fa e legge MUMBLE: conosce bene. Supportate!).

Nonostante questo, il capogruppo della Lega Nord in Regione lo ha più volte accusato di aver usufruito di ben 26.900 € ricevuti in modi poco chiari da enti regionali emiliani.

Riportiamo per intero la risposta che Veronesi ha pubblicato sulle sue pagine ufficiali.

Già da un paio di settimane sono a conoscenza del fatto che secondo alcuni avremmo ricevuto 26.900 euro dall Regione Emilia-Romagna per realizzare Emilia Rossa, cuore nero. Questo deriva da un comunicato diffuso dal capogruppo della Lega Nord in Regione Mauro Manfredini, ripreso a cascata da alcuni giornali tra cui Repubblica.

Questa circostanza è FALSA. Non abbiamo preso un euro da nessuno e mai lo prenderemo, se non forse con questa campagna di crowdfunding portata avanti faticosamente. Chi ha voglia di controllare trova qui la delibera, se non capite o avete altre perplessità potete contattarmi.

Mauro Manfredini (ho copia del nostro scambio di mail) si è rifiutato di fare la smentita, quindi nonostante le mie gentili richieste mi sono dovuto rivolgere agli avvocati. Mi dispiace se qualcuno ha pensato fino a qui che le sue accuse fossero vere, ciò getta su di me un discredito che mi imbarazza e di cui Manfredini dovrà rispondere. Può succedere di sbagliare (anche se un Capogruppo in Regione che non sa leggere una Delibera mi lascia interdetto) ma non voler riparare non lo trovo giusto.

Queste le cose principali. Riguardo alla “genesi” del disguido, c’è una richiesta di finanziamento che avevamo fatto mesi prima all’Emilia Romagna Film Commission, che ogni anno fa un bando. Abbiamo calcolato tutte le spese tecniche, logistiche e soprattutto di personale e come totale avevamo proposto 26.900 euro.

C’è subito da dire che se anche uno vince non li riceve tutti ma il 70%. Il nostro progetto però non ha vinto, anzi è arrivato molto in basso nella graduatoria, quindi zero soldi e tutti a casa. Solo i primi in graduatoria ricevono il finanziamento e solo a progetto finito. Abbiamo quindi deciso di lavorarci lo stesso, senza pagarci noi e ridimensionando il progetto, perché l’idea del film ci piaceva.

Dopodiché ci siamo trovati in difficoltà con alcune spese che non potevamo evitare e sono quelle che trovate spiegate nella nostra pagina. Così ci siamo lanciati nell’avventura del crowdfunding ed eccoci qui. Vedremo come andrà alla fine, proviamo nonostante tutto a tirare la volata. Certo questa è stata una tegola in testa che inizialmente ho anche sottovalutato, ma l’unica cosa che mi interessa è ristabilire la verità e che nessuno possa mettere in dubbio la mia buona fede.

In tutto questo una cosa positiva c’è: ho spiegato al sig Manfredini cos’è il cowdfunding, speriamo abbia capito le potenzialità di questo strumento. Siamo molto più avanti noi della politica, non c’è che dire…

 

Guarda il trailer

 

More from donato gagliardi

11.2010 – L’indimenticabile viaggio di Marlene e Belafonte

di donato gagliardi Le storie come questa hanno incipit rigidamente codificati. Le...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *