Cabeki – Una Macchina Celibe

Seconda prova dopo Il Montaggio delle Attrazioni, Una Macchina Celibe è il ritorno discografico di Cabeki.

Tannen Records

Seconda prova dopo Il Montaggio delle Attrazioni, Una Macchina Celibe è il ritorno discografico di Cabeki. Polistrumentista attivissimo che può vantare collaborazioni di assoluto rilievo – Xabier Iriondo e Julie’s Haircut per citarne alcuni – Andrea Faccioli, questo il nome sulla carta d’identità, ha da anni intrapreso un viaggio personale al cuore dell’etnomusicologia, sviluppando uno stile personale raffinato e intelletuale.

Folgorato sulla via di Damasco tanto da John Fahey e dal suo American Primitivism quanto dai maestri Rota e Morricone, Cabeki con Una Macchina Celibe confeziona un lavoro estremamente valido, ricco di atmosfere e visto il maestro citato poc’anzi, felliniane. Dieci tracce – i titoli sono tutti ispirati al padre della Patafisica e del Teatro dell’assurdo Alfred Jarry già ispiratore dei Pere Ubu – che trascinano l’ascoltatore, anche quello più distratto, in un viaggio onirico dominato dagli esotici suoni di Cumbus, Bouzouki e Arpa Circolare, strumento costruito dallo stesso Faccioli. Una Macchina Celibe è un album bello, maturo che mostra il talento di Cabeki pienamente fiorito e che chiude un 2012 positivissimo per Tannen Records, etichetta che nell’anno appena concluso ha rilasciato lavori di band di assoluto valore come Craxi (R.I.P.), De Curtis, Zeus! e Pharm.

More from andrea murgia

[Face To Face] De Grinpipol

Freschi di pubblicazione del nuovo album Earworms, i De Grinpipol hanno trovato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *