Ustica: aereo abbattuto da un missile

La decisione del tribunale arriva 33 anni dopo il disastro che ha fatto precipitare il DC-9 con 81 passeggeri a bordo.

La Corte di Cassazione obbliga lo Stato italiano a risarcire i famigliari delle vittime della strage per non aver garantito la sicurezza dei cieli. Per i giudici l’aereo è stato abbattuto da un missile: nelle carte è nero su bianco, “l’ipotesi del missile è abbondantemente e congruamente motivata”.

A nulla sono valse le richieste di prescrizione invocate dall’Avvocatura Generale dello Stato: la Suprema Corte le ha giudicate infondate, così come ha respinto i ricorsi presentati dal Ministero della Difesa e quello dei Trasporti.

Si arriva così a una sentenza senza appello in cui l’ipotesi della bomba a bordo viene definitivamente archiviata.

La sentenza è netta. Da un lato decreta l’irresponsabilità del governo Cossiga nella gestione della sicurezza nazionale e dall’altro mette in evidenza la negligenza delle istituzioni nell’accertare una verità che era chiara fin da subito.

Rimangono ancora ignoti gli autori del reato. 

More from pierpaolo salino

05.2009 – PAPA NERO

Cielo dell’Africa, 17 marzo 2009. Un viaggio storico per papa Ratzinger, la...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *