[Auguri Pablo!] Creep

[Mattia Canovi]

Creep – Radiohead 1992

(è come se mi strappasse il cuore, lo sbattesse contro il muro e lo risistemasse al suo posto, pieno di lividi)

Thom Yorke, con i suoi accordi minori e calanti, è in grado di dar voce all’angoscia silenziosa e lacerante di chi non riesce a sentirsi in armonia con la realtà di cui fa parte.

È una lotta profonda con se stessi nella quale, racconta l’artista, le vittime sono coloro che ci stanno vicino: chi si trova perso in questo stato di turbamento rischia di non cogliere la specialità delle cose semplici della vita, fino ad allontanare proprio quell’amore che avrebbe potuto completare la sua stessa esistenza.

Ascolta il brano

More from pepito sbarzeguti

Nel nostro mare le Meraviglie dell’Immondo

[testo di Ilaria Silvestri, foto di Emiliano Rinaldi - La bella e...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *