Mumble: ci mette una pezza

Il 6 aprile, le zone rosse di Finale Emilia, Mirandola e de L'Aquila prendono colore grazie a Mettiamoci una pezza

Per noi della bassa, il carnevale era quello di Finale Emilia. Altro che Cento, Venezia o Rio de Janeiro: fino alla tarda adolescenza, i carri che sfilavano per le due piazze finalesi erano un appuntamento fisso ogni febbraio. Una volta mi ci sono anche persa. Mi ha recuperato la Betty, piangente e coperta di brillantini, e abbiamo aspettato mio padre nella sua casa antica, antichissima.

Quanti bambini perduti devono aver visto quelle strade, e quanti costumi. Quante damine e quanti zorri, quanti maschi vestiti da femmine e quante femmine poco vestite, che a carnevale è tutto permesso. Quanti arlecchini, il costume più bello, per i colori e per il significato. Sì perché la mamma di Arlecchino non ce li aveva i soldi per fare a suo figlio un vestito nuovo, e non poteva neanche farla franca costringendolo a indossare una felpa con sopra un indiano e disegnandogli due righe in faccia (true story).

Ma la storia vuole che ogni abitante del paese abbia contribuito con un pezzetto di stoffa colorata e la mamma di Arlecchino sia riuscita a confezionare un vestito raffazzonato ma bellissimo, coloratissimo, unico.

Ecco, Finale Emilia, il 6 aprile prossimo, sarà come Arlecchino. Vestita a festa dai mille colori portati dal progetto Mettiamoci una pezza, in occasione del quarto anniversario del terremoto de L’Aquila.

Mettiamoci una pezza è un progetto di urban knitting nato nel 2012 per riaccendere l’attenzione dei media sulle zone terremotate attraverso un maxi-allestimento fatto di pezze di lana lavorate a mano.

Metri e metri di quadratoni fatti ai ferri da donne (e uomini) giovani e meno giovani, mamme e figlie, nonne e nipoti, di tutta l’Italia, che quest’anno ricopriranno i monumenti e le case del centro de L’Aquila, di Finale Emilia e di Mirandola.

Per ricordare a tutti che una zona rossa è una questione nazionale, e per non fare spegnere i riflettori, perché c’è ancora molto da fare in Abruzzo come in Emilia.

Ma anche un’occasione di festa e condivisione (l’allestimento è aperto a tutti), un modo per godere di una giornata all’aperto, sentirsi parte di qualcosa e contribuire al vestito di Arlecchino perché sia il più bello di tutti. E perché no, per entrare nel Guinness dei Primati con la coperta patchwork più grande del mondo.

 

Per consegnare o inviare una pezza c’è tempo fino al 1° aprile. Mumbleduepunti (con l’aiuto di una mamma) lo ha fatto.

Sul vestito di Arlecchino ci sarà anche una grande Emme.

 

Written By
More from luna malaguti

Cavetto ombelicale

Che eri incinta lo sapevamo da un po'. Non parlavi di altro...
Read More

Rispondi