Abbiamo convintamente votato Giorgio Napolitano

Le parole dei parlamentari modenesi del PD, all'indomani della rielezione di Giorgio Napolitano alla presidenza della Repubblica

All’indomani della rielezione di Giorgio Napolitano alla presidenza della Repubblica, le parole dei parlamentari modenesi del PD testimoniano un grave senso di inadeguatezza: non riescono a interpretare i sentimenti del proprio elettorato e degli elettori italiani, che da mesi chiedono a gran voce alla politica un forte segnale di cambiamento nel modo di condurre lo Stato italiano.

L’elezione del capo dello Stato poteva simbolicamente aprire una strada nuova, un nuovo corso. Gli onorevoli emiliani definiscono quanti volevano Stefano Rodotà come Presidente “richiedenti”, bollando con una terminologia vetusta e asettica i tanti circoli del PD e dei Giovani Democratici che si erano schierati apertamente in favore del costituzionalista.

Sarebbe interessante capire, alla luce di questa etichetta, quale sia l’opinione degli onorevoli riguardo ai propri elettori: o si è in presenza di addestrati troll antipiddì, oppure il sospetto è che gli eletti abbiano totalmente perso i legami con i propri elettori, con il proprio territorio.

Non si può poi fare a meno di notare quanto la nota insista sul presunto “radicalismo” di Rodotà che la comunità del partito democratico non può accogliere “nella sua interezza”. Giuseppe Civati, dal suo blog, dallo stesso partito di provenienza della pattuglia emiliana, dice espressamente che nel PD c’è chi guarda più a destra che a sinistra ed è per questo che Rodotà non avrebbe comunque potuto aspirare al Quirinale.

Quindi, in buona sostanza: il problema del PD è non essere abbastanza radicale o essere troppo di destra?

 

Riportiamo di seguito la nota firmata dai parlamentari modenesi del PD Baruffi, Galli, Ghizzoni, Guerra, Kyenge, Patriarca, Pini, Richetti e Vaccari pubblicata nelle ultime ore sulla pagina Facebook di Manuela Ghizzoni.

Abbiamo convintamente votato Giorgio Napolitano. Un voto conseguente agli esiti delle votazioni di giovedì e venerdì, in cui si sono bruciate le candidature di Marini e Prodi. Giovedì scorso, abbiamo interpretato la richiesta giunta dagli elettori del territorio, dal gruppo dirigente e dagli amministratori locali dichiarando pubblicamente l’astensione sul voto a Franco Marini e invocando una pausa di riflessione. Una posizione non residuale all’intero dei grandi elettori democratici, alla quale Bersani, Vendola e Tabacci hanno risposto con una candidatura in grado di ricomporre sia il partito sia la coalizione e capace di garantire un governo di cambiamento: Romano Prodi. Per piena responsabilità di 101 vigliacchi franchi tiratori del Pd questa opportunità per il Paese si è frantumata, trascinando a terra con sé la leadership di Bersani – al quale testimoniamo vicinanza e sostegno – e il futuro del Pd. Il maggior gruppo parlamentare della storia repubblicana, che ha quindi la responsabilità di individuare la candidatura per il Presidente della Repubblica, è diventato invece generatore di debolezza e di tensione. Non ci sono scusanti, mentre restava solo il dovere di porre rimedio, in fretta, per restituire al Paese certezza e stabilità istituzionale. E la migliore risposta possibile è – oggi – il Presidente Giorgio Napolitano. L’unico, peraltro, in grado di superare la soglia dei 504 voti richiesti. Molti ci hanno chiesto in questi giorni di sostenere la candidatura di Stefano Rodotà. Certo, il costituzionalista già Garante della privacy, parlamentare di lungo corso e parlamentare europeo, ha l’esperienza e il prestigio accademico utili a ricoprire tale carica istituzionale. Ma non può sfuggire, ai richiedenti, che il radicalismo assunto da Rodotà, sommato alle argomentate ma pur sempre dure critiche al riformismo del Pd espresse fin dalla sua nascita, impediscono alla comunità democratica di convergere nella sua interezza sul suo nome. Pertanto la sua figura non poteva, nei fatti, raccogliere i necessari 504 voti. Grossolani errori commessi dal Pd – errori di conduzione delle fasi di votazione e di analisi politica – troppi veti incrociati dei partiti (e dei loro elettori) e poca lealtà politica hanno reso tormentata l’elezione del dodicesimo Presidente della Repubblica. Giorgio Napolitano saprà mettere nuovamente al servizio del Paese la sua statura morale e il suo senso delle istituzioni. Mentre scriviamo, Grillo invoca alla marcia su Roma contro il Parlamento. Apprezziamo che Rodotà si sia dissociato.

More from pierpaolo salino

Il senatore Manganello

Epifani contestato a Roma dai No-Tav. Il senatore Esposito rilancia “La Polizia...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *