[Love Talking] Love in the time of algorithms

Così a colpo d'occhio sembra un po' più sporca come faccenda, no?

C’era un tizio negli Stati Uniti: la ragazza con cui stava da tempo lo aveva lasciato e il Wall Street Journal lo aveva licenziato.

La situazione peggiore in cui uno che abbia il sogno di avere una famiglia si possa trovare. Solo e costretto a rimanere solo dato che il nuovo lavoro come freelance non gli lasciava molto tempo per uscire a cercarsi una fidanzata.

Così Dan, questo il suo nome, ha pensato di utilizzare un sito di incontri online e soddisfatto dal risultato ha scritto un libro per sdoganarli: Love in the times of algorithms. Per alcuni può sembrare un po’ da disadattato sociopatico, ma in America va alla grande.

Mettetevi nei suoi panni: niente lavoro e niente fidanzata, scatole vuote di cibo cinese sotto al letto e nessuna camicia stirata da indossare. Anche volendo, come avrebbe potuto trovare una ragazza se non online?

Dicono che addirittura trenta milioni di americani usino algoritmi di ricerca del partner ideale online. Trenta milioni sono parecchi. Dieci volte il numero che vi avrei detto se mi aveste chiesto: secondo te quanti Americani usano degli algoritmi di ricerca del partner ideale online?

Posto quindi che non stiamo giustificando Dan per quello che ha fatto; non è una cosa che necessita giustificazioni, a tutti può capitare un periodo negativo con conseguenti cadute fragorose dell’autostima e vani tentativi di rialzarla, andiamo ad analizzare questo mondo affascinante che è il dating online.

Praticamente l’incontro tra psicologi e matematici. Il motto di questi siti è: tu non sai quello che vuoi, noi si. E in effetti funzionano proprio così, non danno importanza a come il richiedente si presenta. In effetti si compila un questionario di diverse domande, ma l’algoritmo studia soprattutto il comportamento durante la navigazione. Se il nostro utente scrivesse che ama le ragazze more, ma poi passasse tempo a sbirciare profili di ragazze bionde, l’algoritmo capirebbe e correggerebbe la voce cambiandola: mi piacciono le ragazze more, ma anche le bionde alla fin fine non sono male.

Questi siti puntano quindi ad accoppiarvi alla persone che più si adatta a voi in modo che la relazione sia il più duratura possibile. Che è un po’ come dire che mcDonald’s studia per fare in modo che i suoi panini vi sfamino una volta per tutte. Naturalmente non sarà esattamente così, anche dopo aver trovato la ragazza perfetta su okCupid.com, ci ritornerete per vedere se ce n’è una un po’ più perfetta. In questo modo il sito continuerà a fare soldi.

Se però le vostre intenzioni non sono serie ma andate su questi siti per trovare storie veloci, l’algoritmo vi scoprirà. O almeno è programmato per farlo. Esistono però altri modi funzionalissimi per trovare l’anima gemella per le prossime 4 ore.

Quello più semplice, immediato e, permettetemelo, geniale è BangWithFriends.com. BangWithFriends è una applicazione per Facebook. Io per puro interesse giornalistico l’ho installata. Ho passato giorni a pensare se farlo o meno. È per il bene dell’informazione! Mi ripetevo. Non riuscivo a convincermi. Allora ho chiesto a un caro amico. Mi ha detto: è per il bene dell’informazione! E mi sono convinto.

Appena si entra sul sito tutto diventa estremamente chiaro: scegli il sesso che ti interessa, si apre una nuova pagina in cui sono elencati tutte le tue amiche di Facebook e sotto ognuna di loro c’è una casellina. Se riempi la casellina con un tickle vuol dire che c’è interesse, diciamo. Benissimo. Quando accadrà, se accadrà, che anche una delle persone cui hai posto il tickle porrà il tickle sul tuo nome allora entrambi riceverete una notifica e, superata l’iniziale timidezza, potrete incontrarvi e dimostrarvi interesse vicendevolmente.

Così a colpo d’occhio sembra un po’ più sporca come faccenda, no?

More from marcosenzasodio

Quattordicimila

Hanno ormai superato la città di Killis, a circa quindici chilometri dal...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *