Casaleggio fa rima con dileggio

Ho letto un'intervista a Gian Roberto Casaleggio, d’ora in poi mi riferirò a lui utilizzando soprannomi simpatici.

Ho letto un’intervista a Gian Roberto Casaleggio, d’ora in poi mi riferirò a lui utilizzando soprannomi simpatici.

Che dire, nella posizione in cui è, da Casy ci si può aspettare di tutto.

Fondamentalmente quando si crede di essere ciò che non si è, perdendo di vista ciò che si è realmente, può capitare di fare affermazioni avventate. Il caso di Gianrobby è più che mai vivido. Non è nemmeno nuovo a certi tipi di previsioni. Gli piace essere catastrofista. Anche dal parrucchiere.

C’è da dire che Kessy ha avuto anche la fortuna di avere a che fare con un giornalista birbante.

Si può dire di merda? No, diciamo birbante.

Leggendo l’intervista, la cosa che mi è saltata in mente, è stata:

“Perché non gli chiede che cazzo vuole intendere con shock economico?”

Davvero, le parole ‘shock economico’ mi hanno lasciato basito. Le avevo già sentite un po’ di tempo fa. Naomi Klein parlava di shock economy in un documentario, che peraltro consiglio, chiamato The Corporation. La Klein si riferiva con questo termine all’economia americana che si stava (sta) impossessando delle risorse del Sud America. Si parlava della privatizzazione dell’acqua in Bolivia e delle proteste che ne sono nate. Paragone per lo meno azzardato quello tra l’Italia e la Bolivia, non quanto però quello tra la privatizzazione dell’acqua, bene necessario alla sopravvivenza dell’uomo, e la privatizzazione di Finmeccanica, un puttanaio di scaltri ladri, tangentisti corrotti e collusi con le peggio organizzazioni criminali del mondo.

Sarebbe quindi opportuno definire certe cose prima durante o dopo aver creato allarmismo inutile e campato in aria. Soprattutto se non hai nessuna autorità per dire niente, vero JR?

Non fraintendetemi eh, Casaleggio mi stava già sul cazzo da tempo. Quando vidi Gaia per la prima volta, un suo mini-documentario nel quale mostra quale sarà il futuro dell’umanità se Grillo non vincesse, o se vincesse – in realtà non si capisce – le elezioni. Il discorso alla base del documentario è che ci sarà una guerra mondiale, la popolazione calerà e ci sarà un governo mondiale. Per la gioia dei complottisti che così hanno di che parlare.

“Casaleggio è un illuminato!”

“Vuole il nuovo ordine mondiale!”

No ragazzi, JR è uno stupidino. Vorrei che questo concetto fosse chiaro definitivamente. Uno stupidino che però ha fatto i soldi grazie a un’intuizione: Di Pietro non vincerà mai un cazzo, mi schiero con Grillo e infilo un casino di pubblicità nel blog del partito che rappresenta.

Inoltre, non mi piacciono i loschi figuri mal conciati dei quali non si riesce a ottenere le informazioni necessarie per farne una valutazione a tutto tondo. Non dico che tutti dovrebbero essere trasparenti, ma il vice capo del primo partito d’Italia per lo meno sì.

Tutto questo per dire che è inutile continuare a tirare merda addosso ai parlamentari a cinque stelle. Dobbiamo leccarci i baffi che gente come Robby non sia in Parlamento e che invece in parlamento ci siano grandi eroi.

Uno su tutti per esempio è Sibilia. Il coraggioso Sibilia. Parlare del signoraggio, delle scie chimiche al bario e dell’allunaggio nel Parlamento di uno stato evoluto e democratico dovrebbe essere reato.

Da noi infatti si può fare bellamente.

More from marcosenzasodio

Beppe Saviano

Beppe Saviano è uno scrittore. Anche detto Beppe O’ Milionario ha acquisito...
Read More

2 Comments

  • Ho votato per i grillini e lo rifarei se si andasse alle urne in tempi brevi, per quante idiozie possano fare o dire saran per molti anni più credibili del Partito (poco) Democratico che dopo tanto tuonare governa con Berlusconi, condannato in via definitiva. Detto questo, l’articolo mi è piaciuto nella sua ironia/sarcasmo, bravo Marcosensazodio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *