Giardinner Goes Green: la donazione

2 600 euro destinati all'associazione Anche oggi a scuola per l'istituto Scuola Primaria G. Lodi di Crevalcore

Il 3 luglio 2013 ai Giardini Ducali di Modena si è svolto Giardinner Goes Green evento di informazione e intrattenimento che ha avuto come filo conduttore le tematiche ambientali. Dal pomeriggio fino a tarda sera, centinaia di persone hanno affollato gli stand gastronomici, artigianali o informativi allestiti di fronte alla Palazzina Vigarani.

Un grande successo di pubblico frutto della collaborazione di quattro giovani realtà modenesi: La Piattaforma, Ponghino, Mumble: e Il Rasoio.

Tra i nomi che hanno partecipato agli stand: Ciclofficina, Ingegneria senza frontiere, Lab 145 e Gas- Gruppi d’acquisto solidale, Elena Ascari, Friperie Vintage, Kappamery, Aldina progetti  e Altraeconomia. Slow Food e Cinemambiente hanno dato il patrocinio all’evento.

Dal punto di vista gastronomico hanno partecipato Fattoria Centofiori, La Cucina, Modo Bio, Schiavoni, Gelateria Pomposa e 365.

Vari i workshop e le dimostrazioni, tra cui la visita guidata all’Orto Botanico e la conferenza sul tema smart city con gli interventi di Luca Mora del Politecnico di Milano e Alberto Grieco redattore di architetturaecosostenibile.it, incontro moderato da Pierpaolo Salino.

Per quanto riguarda la parte di intrattenimento, si sono alternati sul palco gli Ursula Collective e i Simons, fino al djset finale di Alberto Bello sulle immagini spettacolari di Home di Yann Arthus-Bertrand.

Giardinner goes green è stato inserito nel calendario degli eventi dell’Estate modenese ed è stato realizzato grazie al supporto dell’Assessorato alla cultura del Comune di Modena che ha sostenuto anche economicamente l’evento e grazie al contributo della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, in qualità di co-finanziatrice.

A quattro mesi di distanza, Giardinner goes green torna a fare parlare di sé e chiude idealmente un cerchio. Tutti quelli che hanno partecipato all’organizzazione dell’evento, infatti, lo hanno fatto a titolo gratuito, ricevendo soltanto un rimborso sulle spese vive come avvenuto per gli stand. Questo perché la finalità dell’evento, come dichiarato sin dall’inizio, è sempre stata benefica.

Ora che sono stati completati i doverosi adempimenti burocratici, gli organizzatori possono finalmente dichiarare che il ricavato è stato di 2 600 euro e che sarà destinato al progetto Anche oggi a scuola.

Anche oggi a scuola è un’associazione senza scopo di lucro, fondata da persone, amici e colleghi, che provengono proprio dalle zone gravemente danneggiate dal sisma e che, dopo anni di esperienza professionale nel settore scolastico, vogliono impegnarsi direttamente, promuovendo un progetto che pone la scuola come motore base per ridare un futuro a queste comunità.

Gli interventi riguardano la fornitura dei materiali di consumo, materiali didattici e degli arredi, cioè quelle dotazioni che, seppur molto importanti, non sono nella scaletta delle priorità delle Amministrazioni impegnate nella messa in sicurezza o nella ricostruzione degli edifici. Il ripristino dell’aula di informatica, l’arredo della ludoteca,  la ripresa del servizio di prestito libri dopo il crollo della biblioteca sono alcuni degli interventi dell’Associazione presso le scuole del territorio, resi possibili grazie alla generosità dei donatori, ma tante sono ancora le richieste da soddisfare.

In particolare, grazie al ricavato di Giardinner goes green, verrà finanziata un’area gioco completa per animare l’attività motoria e ricreativa dei 600 bambini dell’Istituto Scuola Primaria G. Lodi di Crevalcore (BO). Copertura parasole, palo basket, area arrampicata, giochi di equilibrio. Attrezzi solidi e sicuri, che potranno essere spostati un giorno dove sorgeranno le nuove scuole.

Per ulteriori informazioni:

Anche oggi a scuola

Il Ponghino

La Piattaforma

Il Rasoio

More from pepito sbarzeguti

[storie piccole] Casa Maurig #2

[continua da qui] Un popolo fiero quello friulano, che si rimboccò le...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *