Town of Saints – Something To Fight With

Curiosa la storia dietro i Town Of Saints. Formati a Groninga - città olandese con una percentuale di due ruote da far impallidire Bologna e l'Emilia intera - dall'incontro tra Harmen Ridderbos e Heta Salkolahti, due giovani buskers, i Town Of Saints cominciano a girare l'Europa suscitando subito interesse e curiosità.

Snowstar/Rough Trade, 2013.

Curiosa la storia dietro i Town Of Saints.

Formati a Groninga – città olandese con una percentuale di due ruote da far impallidire Bologna e l’Emilia intera – dall’incontro tra Harmen Ridderbos e Heta Salkolahti, due giovani buskers, i Town Of Saints cominciano a girare l’Europa suscitando subito interesse e curiosità. L’ingresso del batterista Sietse Ros fa il resto, dando stabilità al progetto e inserisce quel pizzico di precisione e struttura allo scalcinato duo che, intanto, brucia chilometri su chilometri sulle strade del vecchio continente e butta giù materiale che finisce subito su due ep; la partecipazione al festival Eurosonic Noorderslag gli procura vagonate di complimenti e un contratto con l’etichetta olandese Snowstar Records.

Mica male per due che per vivere facevano gli artisti di strada. Something To Fight With, primo lavoro sulla lunga distanza, è figlio di tutte queste peripezie: è fresco, è scorrevole, è divertente  ma soprattutto è suonato come si deve. Le tracce hanno tutte una storia da raccontare: l’iniziale Stand Up è un invito a buttarsi nelle cose in cui si crede, anche se possono sembrare impossibili da realizzare, Euphrates è una frenetica cavalcata scandita dal drummin’ efficace di Ros e la title track Something To Fight With, frenetica e quasi rappata, ti porta nei territori degli Of Monster And Man. Quaranta minuti di divertimento e di spensieratezza.

I Towns Of Saints hanno fatto gavetta vera e si vede e per questo motivo Something To Fight With suona maturo e smaliziato come i lavori di band ben più blasonate. Non per niente lo distribuisce Rough Trade che mica si muove per tutti.

Se volete un’oretta di spensieratezza, Something To Fight With è quello che cercate.

More from andrea murgia

The Mars Volta – Noctorniquet –

WB. Dopo il mezzo passo falso di Octhaedron, personalissimo tributo della band...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *