[RIZOMA] ATTO 01 | Definizioni: ovvero perché cavolo rizoma?

Quando si devono esprimere concetti, siano di una tesi o di un qualsiasi lavoro, è necessario condividere definizioni. Questo per avere un lessico comune con chi può avvicinarsi al lavoro stesso.

In questo atto 01 vorrei spartire con voi tre definizioni necessarie per comprendere il progetto Rizoma.

Innanzi tutto definiamo cos’è un rizoma. Vocabolo rubato alla botanica, con esso si intende un sistema capace di svilupparsi anche in contesti sfavorevoli e composto da riserve di nutrimento interconnesse tra loro. Si pensi alla morfologia dello zenzero.

Nell’introduzione al libro “Mille Plateaux” un filosofo e uno psicanalista, rispettivamente Gilles Deleuze e Félix Guattari, discutono di come è stato redatto il loro testo.  L’intero volume risulta essere una molteplicità di frammenti tutti collegati tra loro logicamente, ma non gerarchicamente, che viene descritta con la figura del rizoma.

Non essendo io filosofo mi scuso per l’eccesso di semplificazione ma la forma del loro pensiero, a struttura rizomatica, ha queste caratteristiche:

[…] qualsiasi punto di un rizoma può essere connesso a qualsiasi altro e deve esserlo.

[…] un rizoma può essere rotto, spezzato in un punto qualsiasi, ma poi si riprende seguendo una delle sue linee e seguendone altre.

[…] forse uno dei caratteri più importanti del rizoma consiste nel fatto che è sempre a molteplici entrate [e uscite aggiungo io] .

Calando questa immagine nel concreto, con il mio lavoro ho voluto generare spazi e azioni capaci di innescare processi atti a risvegliare il tessuto sociale ed economico della bassa, recuperando il patrimonio esistente sparso nel paesaggio rurale.

L’ambiente sfavorevole in cui innestare questo sistema è quello di un territorio colpito dal sisma in un momento di forte crisi economica.

Ogni singolo elemento costitutivo del rizoma, sia esso fisico come un edificio o immateriale come la condivisione di conoscenze, ha struttura propria ma è in sinergia con gli altri elementi che genera benefici per l’intero sistema.

Altre due parole, più usate nella vita di tutti i giorni al contrario di rizoma, sono economia ed ecologia.

 

Le definizioni di treccani.it sono:

economìa: s.f. [dal lat.  oeconomĭa, gr. οἰκονομία, comp. di οἶκος «dimora» e νομία «nomia» (propr. «amministrazione della casa»); […] Scienza, sviluppatasi a partire dal sec. 16° in diverse scuole e teorie, che può essere in generale definita come lo studio delle leggi che regolano la produzione, la distribuzione e il consumo delle merci.

ecologìa: s.f. [comp. di  eco- e -logia, termine coniato (ted. Oekologie) dal biologo E. Haeckel (1866)]. Parte della biologia che studia le relazioni tra organismi o gruppi di organismi e il loro ambiente naturale, […] si suddivide in numerose branche (e. vegetale, agraria, animale,  marina, umana,  spaziale) che toccano tutte problemi di importanza vitale (produttività e sfruttamento delle risorse naturali, conservazione e protezione della natura dal depauperamento ambientale, comprendendo la tutela del paesaggio, la lotta all’inquinamento delle acque, la razionalizzazione degli insediamenti umani, ecc.) nei paesi moderni densamente popolati e in via di massiccia industrializzazione.

Dal mio punto di vista è necessario spostare l’attenzione dall’economia all’ecologia perché quest’ultima è direttamente legata all’ecosistema.

L’economia vede l’ambiente naturale e il paesaggio in funzione delle risorse che da essi può prelevare, trasformare e scambiare; e ciò appare evidente quando essa trasforma il paesaggio stesso.

L’ecologia è il termine di unione diretto tra l’economia, fondante dei rapporti sociali, l’ambiente e il paesaggio.

Date queste definizioni il prossimo atto sarà il sintetizzare gli intenti e gli obiettivi del lavoro.

More from thomas malaguti

[RIZOMA] atto 02 | Gli intenti.

Il progetto Rizoma ha analizzato la situazione dei comuni della bassa modenese,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *